lunedì 22 agosto 2016

Onoriamo gli alberi



In un luogo dove vado spesso (Parco Nazionale d'Abruzzo), c'è un sentiero (Camosciara) sul quale hanno messo dei cartelli che indicano il nome e le caratteristiche dell'albero o arbusto a cui sono posti vicino. Questo insegna alle persone a riconoscerli, a distinguere un tipo di albero da un altro la dove, nel fitto bosco, possono sembrare tutti uguali. Gli alberi sono come le persone, non ce ne è uno uguale all'altro, anche nell'ambito della stessa specie non sono mai identici, come se ognuno esprimesse una propria personalità.
Gli alberi sono i nostri vecchi antenati. Sanno tutto della storia del mondo, alcuni vivono centinaia di anni. Grazie a loro l'aria si purifica e si riempie di ossigeno. Assorbono la CO2 che sta distruggendo il nostro clima, perché se ne nutrono. Ci donano frutti, ombra, freschezza, bellezza. L'uomo continua a distruggere i boschi e il mondo si sta sempre più ammalando. Sui loro rami e nelle cavità del tronco ospitano uccelli, scoiattoli, e chissà, forse anche qualche piccolo essere magico. Quando viene distrutto un bosco, molti animali muoiono perché perdono la loro casa e il luogo che da loro sostentamento.
In primavera si colorano di fiori, in estate si ammantano di verde, in autunno lasciano cadere i loro frutti tra le foglie ambrate e in inverno si spogliano per andare a dormire sotto la coperta fatta con le loro stesse foglie secche, alcuni alberi diventano come uno scheletro, senza perdere la loro espressività ma anzi, diventando ancora più suggestivi. E quando la neve e il ghiaccio brilla sui loro rami è totale incanto.
E che dire dei sempreverde? Ci ricordano che la vita è eterna seppur mutevole ciclo dopo ciclo.
Chi non è rimasto a bocca aperta dalla meraviglia di fronte ad un paesaggio di conifere in un ambiente innevato che scintilla sotto il sole obliquo del solstizio d'inverno?
Sono gli antichi custodi del mondo, collegano la Terra con il Cielo, e con le loro radici che mantengono compatta la terra, impediscono le frane.
Invece di distruggerli, parliamo con loro, sentiamo la loro energia, ascoltiamo la loro voce piena di saggezza, onoriamoli come fossero i nostri nonni pazienti e generosi.
Vorrei che lo studio della botanica fosse materia di studio alle scuole elementari e medie.

Qui, con le foto, ho ricostruito un piccolo bosco con gli alberi della Camosciara. Le foto non sono gran che, sono fatte col cellulare sotto il sole per cui non vedevo cosa inquadravo e scattavo un po' a caso. Ma gli alberi non hanno bisogno di foto perfette per esprimere il loro incanto e la loro bellezza.
La foto del ginepro con ospite l'ho scattata proprio col sole sullo schermo, ho cercato di inquadrare più o meno al centro l'ospite, ma andando alla cieca, e così ecco che appare solo sul lato sinistro in alto. E' già un miracolo che sono riuscita a farlo entrare nella inquadratura!














4 commenti:

  1. Amo gli alberi e finalmente riesco a godere della loro bellezza... Il divino respira tra i rami, nella loro corteccia e radici.😗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, e sono i nostri padri e madri ancestrali, come dei nonni rugosissimi e pieni di saggezza.

      :*

      Elimina
  2. "Bello è il bosco, buio e profondo", è il luogo naturale che preferisco, carico di bellezza, di importanza per la vita di tutte le specie, ma anche di suggestioni sacre che ci riconnettono alla notte dei tempi, quando gli uomini erano affascinati, bisognosi ma anche terrorizzati e pieni di riverenza per questi luoghi. E' sufficiente addentrarsi tra i primi rami per sentirsi avvolti dai sospiri della Terra, per sentire la nostra anima ancestrale che parla la lingua delle foglie e delle rocce ma anche del silenzio. Lo sguardo si perde nel verde che ti circonda da ogni lato e all'improvviso capisci perché tanti simboli sono legati a questi luoghi. Credo che nei boschi l'uomo sia veramente se stesso, l'animale dotato di anima che fa parte di questo mondo vivo, che respira e patisce, in cui ogni parte è legata ad ogni altra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia....sono senza parole. <3
      Che meraviglia la tua descrizione del bosco!!! *.*

      Elimina